.
Annunci online

Brideshead
il blog di Mario Ricciardi


Diario


13 gennaio 2011

La lotteria naturale


6 gennaio 2011

Cohen on Conservatism

Sto leggendo 'A Truth in Conservatism: Rescuing conservatism from the Conservatives' una lecture di Jerry Cohen, che è stato il Chichele Professor di Social and Political Theory a Oxford fino a poco prima della sua prematura scomparsa, nel 2009. Per chi fosse interessato all'argomento inserisco il video di una delle presentazioni pubbliche del paper. Consigliato sopratutto a chi ha una forte inclinazione al conservatorismo ma trova molti Conservatori poco piacevoli.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. conservatism g.a. cohen

permalink | inviato da Mario Ricciardi il 6/1/2011 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 maggio 2009

Cohen su eguaglianza e giustizia

G.A. Cohen è uno dei più autorevoli filosofi della politica contemporanei. Nato in Canada da genitori di origine russa, Cohen ha studiato presso la McGill University per poi trasferirsi a Oxford, dove è stato fino al 2008 il Chichele Professor of Social and Political Theory e Fellow di All Souls.

Una testimonianza dell’influenza dei suoi scritti e del suo insegnamento si è avuta all’inizio di quest’anno durante una conferenza in suo onore tenuta nel nuovo edificio del dipartimento di politica della sua università.

In tale occasione, alcuni tra i più brillanti filosofi della politica europei e statunitensi si sono incontrati per discutere le idee di Cohen, e in particolare il suo nuovo libro – appena uscito – che fa il punto su più di trenta anni di riflessione dell’autore sul pensiero di John Rawls. Tanto impegno non sorprende alla luce del giudizio che lo stesso Cohen ha dato su A Theory of Justice come un classico che può essere messo sullo stesso piano delle opere principali di Platone e di Hobbes.

Tuttavia, per Cohen, la dedizione allo studio di Rawls non comporta adesione incondizionata alle tesi presentate e difese dal filosofo di Harvard nei suoi scritti sulla giustizia. Al contrario, Rescuing Justice & Equality è una critica serrata di diversi passaggi cruciali della teoria della giustizia rawlsiana. Lo stesso Cohen sintetizza le proprie obiezioni nella spiegazione del titolo scelto per questo libro: salvare il concetto di giustizia dal “costruttivismo” e l’eguaglianza dal “principio di differenza” – due idee cruciali nella teoria della giustizia come fairness del filosofo statunitense.

Un libro importante, che sta facendo e farà discutere, e che piacerà soprattutto ai critici di sinistra di Rawls.

Pubblicato su Il Sole Ventiquattrore il 24 maggio 2009

G.A. Cohen, Rescuing Justice & Equality, Harvard University Press, Cambridge (Mass.) 2008, pp. 430, $ 36.00.

Qui trovate una mia vecchia cosa su Cohen


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia eguaglianza rawls g.a. cohen

permalink | inviato da Mario Ricciardi il 24/5/2009 alle 12:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 aprile 2001

G.A. Cohen e l'egalitarismo



G. A. Cohen è il Chichele Professor di Social and Political Theory presso l’Università di Oxford, ed è stato uno dei principali esponenti del marxismo analitico. Le sue Gifford Lectures, annunciate come un evento nella comunità filosofica di lingua inglese, sono state pubblicate da qualche mese e stanno suscitando un dibattito vivace. Ciò dipende non solo dal fatto che Cohen è uno dei più autorevoli filosofi della politica viventi, ma anche dal valore intrinseco di un testo che è, allo stesso tempo, autobiografia intellettuale, bilancio critico del marxismo analitico e stimolante contributo alla teoria della giustizia.

Cominciamo dall’autobiografia. Cohen è un ebreo canadese di origini russe, cresciuto in una famiglia impegnata in prima linea nel movimento operaio. La militanza comunista è uno dei tratti caratteristici di una identità che, sin dalla prima infanzia, si nutre di teoria e pratica marxista e di un forte senso di appartenenza al popolo ebraico, accompagnati da un rapporto non sempre facile con la religione che, di solito, costituisce il fattore primario di identificazione di tale popolo. Il giovane Cohen è un ebreo, e l’antisemitismo di alcuni compagni di giochi e docenti glielo ricorda di continuo, ma è anche un materialista, che non partecipa ai riti religiosi che contribuiscono in modo determinante a rinsaldare l’identità e il senso di solidarietà dei suoi coetanei e compagni di scuola di origine ebraica. Le pagine dedicate agli anni di formazione, alle certezze e ai dubbi che talvolta le sostituiscono, sono molto belle, e segnalano questo lavoro all’attenzione di chi è interessato alle diverse, e spesso tragiche, esperienze della diaspora. Col tempo Cohen, nel corso di un processo di revisione critica del marxismo, ha assunto una posizione meno rigida nei confronti della religione dei suoi padri (e, più in generale, nei confronti della tradizione che ha origine nel monoteismo ebraico) diventando un lettore, sia pur pudico, della Bibbia e dei Vangeli. Uno dei capitoli più interessanti del volume è dedicato a marxismo e religione, con una lettura critica di grande interesse di Feuerbach e dei suoi argomenti.

Ma l’attenzione principale, per quanto riguarda Marx, è dedicata a una critica di quella che Cohen chiama la concezione “ostetrica” della storia. Per Marx, il compito della politica, come quello dell’ostetrica, è quello di aiutare, rendere più facile, realizzare nel modo migliore, un evento che avrebbe luogo comunque. La rivoluzione è qualcosa che avviene necessariamente, per lo sviluppo delle contraddizioni interne del capitalismo, e quindi i militanti sono chiamati più che altro a intervenire come dei tecnici, come delle levatrici della storia, che non devono sforzarsi per elaborare un modello di società giusta. Non c’è bisogno di una critica morale del capitalismo, perché il capitalismo è destinato ad estinguersi in ogni caso. L’ingiustizia dello sfruttamento, che pure è sotto gli occhi di tutti, non ha bisogno di essere sottolineata più di tanto, perché quel che conta è conoscere la dinamica interna del processo che porterà alla rivoluzione e assecondarlo nel modo migliore. Per Cohen, questo modo di intendere la politica è fuorviante (non c’è un esito inevitabile dell’evoluzione sociale e non esistono più le condizioni dipendenti dalla struttura di classe che rendevano plausibile questa parte della teoria di Marx) e ha causato notevoli danni alle istanze di emancipazione che erano alla radice più profonda della critica marxista del capitalismo. Contrariamente a quel che riteneva Marx, e a quello che ancora oggi sostengono alcuni dei suoi seguaci, l’emancipazione richiede un impegno di tipo morale e, da parte del teorico della politica, fare i conti con questioni normative.

A questo compito è dedicata la parte finale del libro, che è una critica serrata ad alcuni aspetti della teoria della giustizia di Rawls. Per Rawls, i criteri di giustizia si applicano alle istituzioni che fanno parte della “struttura di base” della società, ad es. il mercato. Ne consegue che le azioni delle persone all’interno di tali istituzioni, se rispettano i vincoli posti dalle istituzioni stesse, non sono ingiuste. Cohen contesta la definizione di “struttura di base” centrale nella giustizia politica, sostenendo che non è chiaro cosa sia escluso da tale struttura sulla base dei criteri proposti da Rawls. Per Cohen ci sono azioni che, pur avvenendo all’interno della struttura di base e nel rispetto delle regole, possono essere considerate ingiuste. Tali sarebbero, ad esempio, relazioni di sfruttamento all’interno della famiglia. Il libro si chiude con un problema: come dovrebbero comportarsi gli egualitari all’interno di una società ingiusta? Tale problema viene affrontato discutendo la domanda che ha dato il titolo al libro stesso: se sei un egualitario, perché sei così ricco? La questione può essere riformulata in questo modo: quali argomenti avrebbe un sincero egualitario, in una società ingiusta, per non dare una parte sostanziale dei propri averi ai poveri o a quelle organizzazioni che cercano di ridurre la povertà? Cohen discute e respinge diversi possibili argomenti, concludendo con quello che sembrerebbe un argomento a contrario in favore di azioni redistributive da parte degli egualitari.

Si tratta di una conclusione interlocutoria, che pone certamente un problema agli egualitari. Che si possa dare una risposta a tale problema senza fare ricorso a risorse motivazionali che sembrano alludere a uno sfondo religioso è un dubbio che dovrebbe turbare il sonno di Cohen e di tutti quelli che sono o sono stati marxisti. Certamente si tratta di un libro importante, che spinge a riflettere sui criteri che abbiamo per distinguere ciò che e pubblico e ciò che è privato, ciò che è personale e ciò che è politico.

Pubblicato su Il Sole Ventiquattrore il 22 aprile 2001

G.A. Cohen, If You’re an Egalitarian, How Come You’re So Rich?, Harvard University Press, Cambridge (Mass.) 2000, pp. 233, £ 23.95.

sfoglia     novembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Libri
Diario di etica pubblica
Filosofia
Obituaries
Quotes
Reportages
News
Classici

VAI A VEDERE

The Spectator
The Salisbury Review
La Rivista dei libri
London Review of Books
The TLS
The New York Review of Books
Rational Irrationality
Brideshead
Moralia on the web
Il Riformista
Mondoperaio Blog
The Sartorialist
Lord Bonker's Diary


 
 
Decade after decade, Positivists and Natural Lawyers face one another in the final of the World Cup (the Sociologists have never learned the rules).
 
Tony Honoré

  



Qui potete comprarlo

 



Qui ci sono delle recensioni

Qui potete comprarlo

 




Certainly no man is like to become wise by presuming that Aristotle was a fool.

Sir Frederick Pollock

 


 

Bioetica Trofeo Luca Volontè

CERCA